Diego Negri torna in vetta alla classifica della Star Sailors League dopo aver vinto le regate di selezione alle Bahamas.

Diego Negri torna in vetta alla classifica della Star Sailors League dopo aver vinto le regate di selezione alle Bahamas.

Nassau (BAH), 10 Dicembre 2016

La stagione 2016 in Star di Diego Negri e Sergio Lambertenghi si chiude con un grande acuto, conquistando la vetta nelle rispettive classifiche per skipper e crew della Star Sailors League.

Un ritorno dopo una lunghissima permanenza in cima per Diego Negri, che riceve così il prestigioso premio Dennis Conner direttamente dalle mani del grandissimo testimonial e dal detentore precedente, Xavier Rohart. E una primissima volta per Sergio Lambertenghi, che celebra perciò il raggiungimento del primato di miglior prodiere al mondo nella ex classe regina olimpica, e la conquista del trofeo dedicato allo scomparso Andrew Simpson, detronizzando il fortissimo Bruno Prada.

L’importante traguardo conferma l’eccellente stato di forma e la costanza di buoni risultati della coppia di velisti italiani, che negli ultimi anni hanno collezionato insieme due stelle d’argento negli eventi continentali, tre podi ai campionati del mondo e un’infinità di vittorie e secondi posti nelle regate nazionali.

Con la grande soddisfazione di essere “certificati” come i velisti di maggior spessore da un sistema di ranking ben studiato e operativo da quasi quattro stagioni, resta però il rammarico di essere arrivati ai piedi del podio degli eventi che contavano nel 2016 per due volte quasi con lo stesso “schema”.  Dopo aver infatti vinto le regate di flotta, Negri e Lambertenghi, in entrambi i casi, hanno conquistato il diritto all’accesso diretto alla finalissima “dentro o fuori”, con solo quattro partecipanti: e sia ad Amburgo sia a Nassau è stata un problema nella prima bolina che, dopo averli visti attaccare, li ha costretti a inseguire e chiudere quarti. Ad Amburgo, infatti, dopo un ottima partenza, nei primissimi minuti della regata erano incappati in una raffica da una direzione imprevedibile che li ha stoppati, favorendo gli avversari. Alle Bahamas, dopo che Mendelblatt è stato costretto a virare a causa loro, sfortunatamente Rohart è riuscito a coprirli e a farli andare dalla parte sbagliata.

Resta comunque la soddisfazione di aver primeggiato davanti a una flotta ancora più ricca di campioni di tutti i tempi (quest’anno al via erano 25 le imbarcazioni, circa la metà condotte da staristi di fama internazionale e il resto condotta da atleti medagliati alle recenti Olimpiadi di Rio). E si rinnova la speranza che il record conquistato nelle celebri ranking venga, con l’approcciarsi della quinta stagione operativa per la SSL, finalmente valorizzato e remunerato come gli eventi.