420 & 470 JUNIOR EUROPEAN CHAMPIONSHIP: PRIMO GIORNO DI REGATA.

420 & 470 JUNIOR EUROPEAN CHAMPIONSHIP: PRIMO GIORNO DI REGATA.

Dopo le recenti medaglie conquistate in Grecia al Mondiale 470 Youth – l’oro di Benedetta Di Salle e Allessandra Dubbini, il bronzo di Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò – e i titoli iridati 420 Under 17 ottenuti in Giappone da Edoardo Ferraro e Francesco Orlando e da Veronica Ferraro e Giulia Ieraldi, ieri gli azzurri del 420 e del 470 sono tornati in acqua a Bourgas, in Bulgaria, per i Campionati Europei Junior di entrambe le classi. Dopo la bellissima cerimonia di apertura di domenica, le prime due prove si sono svolte con un vento tra i 10 e i 12 nodi, calato nel corso della giornata, e hanno evidenziato l’ottimo stato di forma dei nostri azzurri, che si sono subito messi in mostra in tutte le categorie. Di seguiti i risultati classe per classe:
420 Open (90 barche)
Ben tre equipaggi italiani tra i primi dieci nella classifica Open dei 420, con Edoardo Ferraro-Francesco Orlando al terzo posto (3-4), Andrea Totis-Marco Zanni al quinto (5-5) e Sofia Giondi-Giulia Gatta ottave (9-6) e seconde tra le ragazze. Gli altri italiani: Demi-Coluzzi sono 19me, Marchesini-Linussi 24me, Panigoni-Mirra 25mi, Ratti-Tamburini 46me,
420 Under 17 (34 barche)
Tre italiani in top ten anche tra i più piccoli Under 17, grazie al secondo posto, dietro gli spagnoli Balaguer, di Veronica Ferraro e Giulia Ieraldi (5-2), l’ottavo di Andrea Spagnoli-Kevin Rio (1-15) e il nono di Matteo Zerbin-Giulio Maccarone (13-6).
470 Donne (33 barche)
Ottima partenza anche per le azzurre Roberta Caputo-Alice Sinno e per le campionesse iridate Benedetta Di Salle e Allessandra Dubbini, rispettivamente terze (3-8) e quinte (4-9) di una classifica che ha nelle turche Kaynakçi-Aslan le leader. Cecilia Zorzi-Bianca Caruso sono 16me, Anna Bettoni-Carlotta Gianni 29me.
470 Uomini (51 barche)
Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò sono subito secondi (4-1) dietro i soliti spagnoli Vila-Vila, mentre Matteo Capurro e Matteo Puppo sono ottavi (2-10) e Matteo Pincherle-Ludovico Basharzad 43mi.